La Famiglia - Vini Zambon
15340
page,page-id-15340,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

La Famiglia

STORIA E VALORI DI CIO' IN CUI CREDIAMO
k

BENVENUTI

Dietro ai nostri vini c’è la storia di un’intera Famiglia.
Ogni giorno scriviamo una nuova pagina dove protagonista è il vino.

Cantina-Zambon-a-Roncà-la-famiglia

DAI PRIMI ANNI AD OGGI

L’Azienda Zambon attesta la sua attività già da fine Ottocento dove i nostri antenati hanno coltivato le prime vigne nella località “Cervare” lungo i versanti del Monte Duello e prodotto il loro primo vino in un casale rustico ancora esistente e di nostra proprietà collocato tra il Comune di Montecchia e Roncà.

I primi anni del Novecento sono difficili ma la situazione economica e la Grande Guerra non hanno fatto perdere la passione per la terra al bisnonno Umberto che continua l’attività tramandata dagli avi con grande dedizione. Molti lo ricordano come un grande lavoratore sempre a servizio del paese. Dopo la sua morte il figlio Bruno costruisce la cantina a Roncà proprio ai piedi del Monte Duello, in origine vulcano.

In seguito, a fianco del padre, entra a far parte dell’azienda anche Roberto e l’attività vinicola si concentra sulla produzione di vino Soave e Merlot per terzi. Nel 2006 arriva la volta di Federico Zambon che, dopo anni di studi, viaggi e aver conosciuto le giuste persone che lo hanno fatto crescere nel campo, si applica per innovare la cantina. In seguito ad anni di confronti in famiglia e sperimentazioni scientifiche in vigna ed in cantina, nel 2011 esce la prima bottiglia di Soave firmata Zambon. Da quel momento inizia un periodo intenso e ricco di soddisfazioni che si potrae fino ad oggi.

Molti sono i progetti in cui siamo impegnati. Tra questi ci aspetta a breve l’apertura di un’area didattica dove, all’interno della nostra cantina, verranno svolte attività educative rivolte al rispetto dell’ambiente e alla conoscenza delle bellezze del nostro territorio.

LA FILOSOFIA CHE CI GUIDA

La nostra esperienza secolare in vigna ed in cantina ha fatto sì di poter portare in bottiglia anni di studi e passione che si identificano in lavorazioni accurate e precise con le più moderne tecniche di lavorazione passando da fermentazioni e affinamento in acciaio e barrique francese al nostro cavallo di battaglia ovvero il recupero delle botti in cemento.

Con gli anni abbiamo quasi totalmente tolto la chimica nella lavorazione in cantina, spingendoci sempre più alla ricerca dei  sapori naturali che derivano dalla pianta. I nostri concetti fondamentali sono “Cura” e “Territorio”.

La nostra agricoltura è basata sul massimo rispetto dell’ambiente, ma allo stesso tempo sul far esprimere in vigna, e successivamente nel vino, tutte le sfumature del territorio. Da anni facciamo una agricoltura sostenibile senza l’uso di tecniche invasive, utilizzando sempre più prodotti naturali e con una concimazione organica.

20000

Bottiglie all'anno

123

Visite in cantina

16800

Viti piantate

Barrique in rovere

Nella nostra cantina, quando il vino lo richiede, facciamo in passaggio in legno per esaltarlo e conferire struttura.

Botti in cemento

Il cemento si è rivelato nel corso del tempo uno dei migliori materiali per la realizzazione di vasche che siano durevoli, isolanti e capaci di mantenere inalterate le caratteristiche del vino.

Selezione delle uve

Per ottenere i vini che desideriamo scegliamo i grappoli migliori. Uve selezionate per vini selezionati.

k

Alcuni numeri sulla nostra produzione

Da sempre preferiamo ottenere vini che nascono dai vitigni vocati alle nostre terre.
Per questo amiamo il Soave e il Recioto di Soave, il Merlot e lo spumante Lessini Durello.

Soave e Recioto di Soave / Vini bianchi fermi0%
Le Cime + Fidelis / Vini rossi fermi0%
Lessini Durello - Spumante autoctono0%